Homepage Homepage Istituto Mario Negri
Cerca nel sito:  
GoogleYahooMSN
 ChiSiamo? -> Elezioni CTS 

Elezioni CTS

I membri del Comitato Tecnico Scientifico del GiViTI sono in carica da tre anni ed il loro mandato sta per scadere.
In occasione del XXVIII Meeting, che si terrà il 13-14 e 15 novembre 2019, si svolgeranno le nuove votazioni.
Clicca qui per leggere le norme dello Statuto del GiViTI che regolano questo aspetto [PUNTI 8, 9, 10, 11, 12 e 13].

Il CTS uscente è composto da:

* Stefano Finazzi (rappresentante del Centro di Coordianamneto GiViTI)
* Andrea Bottazzi (IRCCS Policlinico San Matteo, Rianimazione I – PAVIA)
* Arturo Chieregato (ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Neurorianimazione – MILANO)
* Roberto Fumagalli (ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Anestesia e Rianimazione 1 – MILANO)
* Sergio Livigni (Ospedale San Giovanni Bosco, Servizio Anestesia e Rianimazione B-DEA – TORINO)
* Giuseppe Nardi (Ospedale Infermi, Rianimazione e Terapia Intensiva - RIMINI)
* Giancarlo Negro (Ospedale Francesco Ferrari, TI Polivalente - CASARANO, LE)
* Carlo Olivieri (Ospedale Sant’Andrea, Anestesia e Rianimazione – VERCELLI)
* Daniele Poole (Ospedale Civile San Martino di Belluno, Servizio Anestesia e Rianimazione – BELLUNO)
* Danilo Radrizzani (Ospedale Civile, I Servizio Anestesia e Rianimazione - LEGNANO)
* Clara Ripamonti (ASST Lecco Ospedale Manzoni, Rianimazione generale – LECCO)
* Mario Tavola (ASST Lecco Ospedale Manzoni, Rianimazione generale – LECCO)
* Bruno Viaggi (AOU Careggi, Area intensiva CTO – FIRENZE)

I 12 membri uscenti sono automaticamente candidati alle prossime elezioni, eccetto Danilo Radrizzani e Giuseppe Nardi che hanno deciso di NON ricandidarsi.

E' fortemente auspicabile la candidatura di altri GiViTIni che desiderino entrare a far parte della Commissione Costituente.
Chiunque fosse interessato a candidarsi può contattare entro il 31 Luglio 2019 il Centro di Coordinamento (mail: giviti@marionegri.it; tel:035-4535313).
I candidati dovrebbero inviare al Centro di Coordinamento un breve discorso di presentazione incentrato sui principali obiettivi che intenderebbero perseguire.

In occasione del prossimo Meeting si presenterà la lista dei candidati e si raccoglieranno le preferenze dei partecipanti.
I non partecipanti al congresso potranno comunque consultare tale lista sul sito del GiViTI ed esprimere la propria preferenza inviando un fax (firmato) con la propria scelta al numero 035-4535354 nei 7 giorni seguenti la chiusura del Meeting.
La votazione sarà comunque mantenuta segreta.
Avranno diritto di voto tutti i Referenti GiViTI e i Responsabili dei Progetti AbioKin, Antibiotic Stewardship, BIO-AX-TBI, Colonizzazioni, COMPACT2, CREACTIVE, Margherita Tre (solo il responsabile medico), MUSE, Petalo Cardiochirurgico, Petalo Trapianti di fegato, PROSAFE, Sorveglianza Infezioni, StART (Piemonte e Toscana) e TUONO.
Nel caso la stessa persona fisica rivesta più ruoli, potrà disporre di più schede elettorali.
Trascorsi 15 giorni dalla chiusura del Meeting il Centro di Coordinamento comunicherà a tutti i GiViTIni la lista dei 6 componenti la commissione costituente.
Entro la fine dell'anno sarà reso noto il nuovo CTS.

Di seguito l'elenco dei discorso di presentazione pervenuti al Centro di Coordinamento da parte dei membri del CTS e dei nuovi candidati:

Membro uscente CTS: Andrea Bottazzi

"Sono Andrea Bottazzi e lavoro in Rianimazione al San Matteo di Pavia ormai dal 2005; prima sotto la guida del Prof. Martin Langer e poi dal 2006 ad oggi sotto la guida del Prof. Giorgio Iotti.
Introdotto al mondo GiViTI dal Dr Livio Carnevale ho sempre cercato di essere parte attiva nella raccolta dati Margherita2-Prosafe, e ancora di più dal 2012 quando sono diventato referente locale GiViTI per la Rianimazione.
Attualmente la nostra Rianimazione ha subito dei grossi cambiamenti strutturali (unificazione di due reparti) per cui ci siamo allargati e abbiamo 23 posti letto con 3 aree tematiche: Rianimazione Generale, TIPO e ECMO UNIT. La nostra cartella clinica è Margherita 3 con cui gestiamo tutti i ricoveri (circa 90 al mese).
Convinto da sempre che l’analisi dei dati fatta con cura e attenzione possa davvero cambiare il modo di lavorare in Terapia Intensiva, nel GiViTI ho aderito volentieri al gruppo dei “tutor” GiViTI; da un paio di anni faccio parte anche del GdS di Margherita 3 che continua la sua attività di migliorare costantemente lo strumento cartella clinica.
Dal 2019 al San Matteo sono coordinatore locale donazioni e trapianti e porto avanti i progetti di donazione a cuore fermo (DCD2 e DCD3) iniziati dai miei illustri predecessori, come pure curo la parte del nostro lavoro che si occupa dell’etica di fine vita nei nostri pazienti.
Membro uscente del CTS GiViTI.
L’esperienza del CTS dell’ultimo mandato mi ha certamente arricchito più di quanto possa essere stato il mio contributo di rimando, e ha stravolto il mio modo di pensare al lavoro in Terapia Intensiva dando un senso diverso alle cose, che poi è l’obiettivo principale GiViTI."



Nuovo Candidato: Italo Calamai
Ospedale San Giuseppe, Rianimazione - EMPOLI

"Il GiViTI ha aiutato me ed i miei colleghi nella realizzazione di un progetto di ricerca nato nel nostro “piccolo ospedale di periferia”.
Entusiasta e grato di questa esperienza vorrei che lo stesso supporto potesse essere proposto a tutti quelli che vogliono cimentarsi in attività di ricerca indipendentemente dalle risorse disponibili localmente.
Per questo vorrei che il CTS:
1) facilitasse e coordinasse la formazione di gruppi di persone capaci di lavorare insieme su progetti simili,
2) potenziasse questi gruppi con specifici corsi sui vari aspetti della ricerca scientifica,
3) promuovesse un moderno sistema di comunicazione tra i GiViTIni (il Forum è forse un po' superato) e
4) implementasse la visibilità del GiViTI sui social media per coinvolgere un numero crescente di intensivisti e non intensivisti."



Nuova Candidata: Cristiana Alessandra Cipolla
ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Neurorianimazione – MILANO

"Infermiera in Neurorianimazione all'Ospedale Niguarda di Milano dal 2007, negli ultimi anni mi sono avvicinata al mondo GiViTI grazie a PROSAFE ed alla partecipazione attiva agli studi cui partecipiamo, in particolare sul trauma cranico CREACTIVE e BIO-AX-TBI.
Motivo di importante cambiamento è stata soprattutto l’adesione al progetto Margherita Tre che ha mosso i primi passi nel nostro reparto circa due anni fa.
Quello che mi affascina del GiViTI in particolare è l'alto numero di reparti che vi afferiscono e la possibilità di unire conoscenze ed esperienze che travalicando il fine della ricerca più a lungo termine, ci permettano di migliorare fin da subito nel nostro lavoro quotidiano.
Mi piacerebbe che PROSAFE fosse più fruibile dai reparti compilatori stessi per verifiche di auto-miglioramento o diffusione dei propri risultati con analisi personalizzate e confrontabili in diversi archi temporali.
Sono consapevole di avere ancora tanto da imparare nel mondo della ricerca, ma so anche di poter offrire entusiasmo, capacità, preparazione, ed amerei inoltre poter portare una ulteriore voce sul punto di vista infermieristico.
Sono una persona positiva e abituata a lavorare in squadra.
Vorrei poter crescere con il CTS ed a mia volta portare spunti di miglioramento."



Membro uscente CTS: Roberto Fumagalli

"Perché al CTS? Per mettere a disposizione del gruppo l’esperienza maturata in molti anni di attività clinica e di ricerca in diverse Terapie Intensive.
Riconoscendo che una sistematica raccolta di dati clinici eseguita dai “GiViTIni” (chi ha i numeri vince), sia ormai una realtà, ritengo sia opportuno promuovere progetti di ricerca che vedono il coinvolgimento di un elevato numero di strutture.
In questa ottica uno sforzo aggiuntivo deve essere rivolto ad ottenere dati di elevata qualità e di facile fruizione anche per quesiti elementari (esempio report di attività di singola unità operativa).
Inoltre, l’impegno profuso da tutti i centri aderenti al GiViTI dovrebbe raggiungere con maggior frequenza l’obbiettivo di poter elaborare analisi in grado di fornire risposte a quesiti clinici specifici e siano poi oggetto di pubblicazione e/o generare ipotesi per sviluppare studi prospettici multicentrici.
Penso che poi, considerata la indubbia notorietà del gruppo, possa essere utile e proficuo poter sviluppare alleanze e interagire con strutture, associazioni e organizzazioni istituzionali (società scientifiche, organi di governo) al fine di poter diffondere gli strumenti da noi utilizzati ed aumentare ulteriormente la rappresentatività del nostro gruppo.
Naturalmente, mantenendo l’indipendenza e l’onestà intellettuale che ci ha sempre caratterizzato."



Nuovo Candidato: Aimone Giugni
Ospedale Maggiore C.A. Pizzardi, U.O. di Rianimazione, Dipartimento Emergenza - BOLOGNA

"Messaggio non pervenuto"



Nuova Candidata: Elena Angela Augusta Guffanti
ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, TI II Anestesia e Rianimazione – MILANO

"Lavoro nel 2° Servizio di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale di Niguarda.
Mi sono laureata nel 1994 ed ho conseguito due specialità (Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso e Anestesia Rianimazione).
Ho lavorato per diversi anni nel settore di urgenza ed emergenza sia sul territorio che per l’intraospedaliero sia dal punto di vista rianimatorio che dal punto di vista chirurgico.
Ho lavorato per anni in una rianimazione generale (H San Carlo) che comprendeva anche neurorianimazione (occupandomi anche di donazione di organi).
Lavoro in ambito anestesiologico ed intensivistico presso SAR2 2 Niguarda: una delle mission principali del Servizio è la trapiantologia addominale.
Gli obiettivi che mi piacerebbe seguire sarebbero:
- Ecografia polmonare (ampliamento del petalo presente) (progetto TUONO)
- Trapianti di fegato con implicazioni di infezioni e di insufficienza d’organo a loro correlate (quindi petalo trapianti di fegato e petalo infezioni)"



Nuova Candidata: Michela Zardin
Ospedale Santa Chiara, U.O. anestesia, TI e servizio sale operatorie – TRENTO

"Sono Michela Zardin, ho lavorato fin dall’inizio della mia carriera in Terapia Intensiva con un collega che mi ha introdotta ed appassionata da subito al GiViTI e mi ha lasciato questa importante riflessione: 'Per fare questo lavoro servono l’umiltà del confronto e il coraggio di modificarsi, un lavoro continuo e complesso con sé stessi in un contesto che cambia continuamente per l’evoluzione della tecnologia, delle risorse, della cultura medica'.
Durante la mia carriera ho avuto la possibilità di lavorare in terapie intensive di diverse regioni che mi hanno permesso di interfacciarmi con diverse realtà organizzative.
A distanza di 15 anni, credo sia doveroso dare una disponibilità concreta ad un Gruppo che ha accompagnato il mio percorso professionale, per un servizio all’ascolto delle esigenze e difficoltà dei vari Centri e un impegno ad affrontare le problematiche contingenti.
Mi piacerebbe poter contribuire con la mia esperienza e professionalità a nuovi progetti, in un contesto lavorativo oggi faticoso e spesso demotivante.
Il mio è un impegno per un confronto e un’apertura all’Europa, nel tentativo di disegnare e avviare nuove collaborazioni che possano ispirarci e sostenerci nel quotidiano.
Grazie a chi vorrà sostenere la mia candidatura."




© Copyright: GiViTI - - - - A cura di: Carlotta Rossi e Michele Giardino, Centro di Coordinamento GiViTI - - - - Statistiche di accesso
Sito aggiornato il 08/08/2019